Pubblicato il Lascia un commento

Come usare e igienizzare le mascherine

Le mascherine prodotte da Ateleba Sposa sono state pensate per la protezione delle vie respiratorie superiori e per prevenire la diffusione del virus. Abbiamo raccolto qui alcuni consigli fondamentali su come usare e igienizzare le Mascherine Filtranti Tnt lavabili.

mascherina tnt filtrante lavabile cuore rosa brillantini lato

Le filtranti a 4 strati ( di forma simile alle FFP2 ) sono fatte con due strati di TNT Spunbond con al centro uno strato spesso di poliestere che fa da filtro a tutto ciò che può entrare o uscire dalla mascherina stessa. IL TNT Spunbond nasce idrorepellente, il tipo di trama è talmente stretta che impedisce ai liquidi di oltrepassarla, ma con l’usura e con ripetuti e frequenti lavaggi può consumarsi. Nel consumo la sua trama si apre e vengono fuori quei “fastidiosi peletti” che pizzicano il naso e il TNT perde la sua idrorepellenza proprio a causa dell’allargamento dei fili della trama. Un ulteriore strato ( il quarto ) viene inserito nel lato esterno. Questo strato serve soltanto a dare colore, non ha una vera e propria funzione di protezione, ma poichè ricopre comunque il TNT Spunbond esterno, lo preserva maggiormente dall’usura del contatto con le mani, le superfici e i detersivi.

Questo accoppiamento di materiali impedisce che goccioline di liquido o saliva, che si generano quando si parla o si starnutisce e tossisce, escano e vadano verso le persone con le quali stiamo parlando. La protezione è la stessa, sia in entrata che in uscita, costituendo un argine al contagio possibile che può venirci dal parlare con persone infette.

Quella che vedi nella foto a sinistra è una mascherina filtrante TNT lavabile 4 strati Cuore con brillantini rosa nude. Nasce per invogliare le ragazze ad indossarla quando escono ed a tenerla soprattutto, ma ha conquistato anche le mamme.

Quando indossare la mascherina

Il TNT e lo spesso filtro interno impediscono la fuoriuscita di goccioline di liquido che si generano quando si parla, si tossisce o si starnutisce. Quindi è importante indossare una mascherina protettiva ogni volta che si è in contatto con altre persone.

L’uso è stato dapprima consigliato, poi reso obbligatorio, dall’ OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità ), dal Ministero della Salute Italiano e dal Governo Italiano con modalità diverse a seconda del periodo e luogo di contagio considerati.

Nella seconda fase del contagio del Covid-19, iniziata ad Ottobre 2020, dato l’incremento enorme dei casi che si è avuto in tutta Italia, il Governo Italiano ha reso obbligatorio indossare una mascherina anche per strada, oltre che nei luoghi chiusi, come posti di lavoro o svago.

Usare una mascherina protettiva filtrante sempre è fondamentale per proteggere noi e la nostra famiglia dal possibile contagio con soggetti positivi asintomatici. I positivi asintomatici non sempre sanno di esserlo, perchè, non avendo sintomi di alcun tipo, fanno il tampone molecolare o il test sierologico soltanto se sono stati in contatto con soggetti positivi effettivamente dichiarati tali. Nel caso di contatto con positivi al tampone la Asl di appartenenza reperisce tutti i contatti degli ultimi 15 giorni, ne monitora eventuali sintomi e provvede a sottoporli al test Covid-19.

Essere stato in contatto con una persona positiva non vuol dire necessariamente essere stata contagiato. Molto dipende dalle precauzioni che prendiamo per proteggerci. Il distanziamento di almeno 1 metro dalle altre persone, l’uso della mascherina filtrante e il lavaggio e disinfezione continui e costanti delle mani e delle superfici contribuiscono grandemente al proteggerci.

Il buon senso, oltre che il Governo, ci dicono che usare una mascherina protettiva è molto importante. Può salvarci la vita e salvarla ai nostri familiari.

mascherina tnt filtrante lavabile glicine bambini
Mascherine Filtranti TNT lavabili bambini

Ecco di seguito le raccomandazioni del Ministero della Salute Italiano sull’uso della mascherina protettiva che possiamo leggere dal sito del Governo Italiano.

È obbligatorio avere sempre con sé le mascherine. Queste dovranno essere indossate nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e anche in tutti i luoghi all’aperto, ad eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche del luogo o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi.
È fortemente raccomandato l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi. Sono fatti salvi i protocolli e linee-guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali. Nei luoghi di lavoro continuano, quindi, ad applicarsi le vigenti regole di sicurezza. Fatte salve anche le linee guida per il consumo di cibi e bevande.

Restano esclusi dall’obbligo di indossare la mascherina i bambini di età inferiore ai sei anni, le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina e coloro che, per interagire con questi ultimi, versino nella stessa incompatibilità. Inoltre, l’uso della mascherina non sarà obbligatorio durante lo svolgimento dell’attività sportiva. 

In comunità possono essere utilizzate mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate, che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.

Quale mascherina protettiva bisogna utilizzare.

Soprattutto ora, che la seconda ondata di Covid-19 è in corso, è fondamentale che ognuno di noi rispetti le regole per la limitazione del contagio. Questo significa non solo mantenere il distanziamento sociale e cercare di ridurre al minimo i contatti, ma anche indossare la mascherina nel modo corretto.

Le mascherine disponibili in commercio sono di tipi diversi, Ffp2, chirurgiche e lavabili e spesso ci chiediamo quale sia meglio utilizzare a seconda del contesto nel quale lavoriamo e viviamo. Cerchiamo di fare chiarezza.

Mascherina Ffp2

Le mascherine Ffp2 hanno un alto potere filtrante in uscita e in entrata, cioè verso chi le indossa, a differenza delle mascherine chirurgiche che arrivano a un massimo del 20% in ingresso.

Sono strettamente consigliate per gli operatori sanitari e, in generale, per chiunque si trovi in una situazione ad alto rischio, che può essere rappresentata, per esempio, da spazi chiusi con poco ricambio d’aria e affollati.

Le mascherine Ffp2 sono monouso e andrebbero indossate per un massimo di 7-8 ore consecutive. Poi vanno buttate e smaltite secondo legge.

Mascherina chirurgica

La mascherina chirurgica si trova in farmacia ed è consigliata per svolgere tutte le attività quotidiane, dall’andare a fare la spesa fino al recarsi sul luogo di lavoro. È tuttavia una mascherina usa e getta e può essere indossata per massimo una giornata.

Le mascherine chirurgiche sono efficaci nel ridurre il contagio solo se le utilizziamo tutti.

La loro capacità filtrante è soprattutto verso l’esterno: questo significa che indossandola proteggi gli altri e non te stesso perchè le eventuali secrezioni respiratorie vengono bloccate dalla mascherina in uscita, evitando che chi le indossa possa diffondere droplet e goccioline potenzialmente infette. Utilizzarle in modo improprio può renderle però totalmente inefficaci.

Mascherina lavabile.

Le mascherine lavabili sono generalmente in stoffa o materiali tecnici indicati e suggeriti dai Centri Universitari Italiani. Quelle prodotte con tessuti normali non sono soggete a nessuna certificazione, ma in ogni caso, sono considerate dall’ Istituto Superiore della Sanità strumenti utili ad arginare la diffusione del Covid-19, a patto che siano lavabili e che vengano utilizzate in modo corretto.

Le mascherine lavabili prodotte con materiali tecnici hanno un filtro che contribuisce ad arginare il contagio in entrata ed in uscita. Sono lavabili e vanno utilizzate solo per un turno di lavoro (7/8 ore al massimo) e poi lavate. Il lavaggio può essere eseguito a mano in acqua calda e sapone, non unendole con capi di vestiario per evitare di contaminare altro. Possono essere disinfettate con amuchina o alcool, a seconda delle indicazioni del produttore, anche se un accurato ammollo e lavaggio ci danno garanzia di igiene.

Chi deve indossare una mascherina

In linea di massima tutti dobbiamo indossare una mascherina protettiva per scongiurare di diffondere o di prendere il Covid-19, lo dice il Ministero della Sanità Italiano ed il Governo l’ha resa obbligatoria anche all’aperto, ma ci sono alcune categorie che sono escluse da questo obbligo.

  • I bambini fino a 6 anni non sono obbligati ad indossarla, probabilmente perchè, data l’età e la normale irrequietezza dei piccini, sarebbe completamente inutile. Ma i medici dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma ne raccomandano l’uso già dai 2 anni in su. Più in basso trovi il link all’articolo.
  • Le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso stesso della mascherina, ad esempio chi soffre di crisi respiratorie e tutte le persone che per interagire con questi ultimi vivano la stessa incompatibilità.
  • Gli sportivi durante lo svolgimento dell’attività sportiva.

Come usare la mascherina

Prima di indossare la mascherina

  • Lavare le mani con acqua e sapone per almeno 40-60 secondi o eseguire l’igiene delle mani con soluzione alcolica per almeno 20-30 secondi 
  • Indossare la mascherina toccando solo gli elastici o i legacci e avendo cura di non toccare la parte interna
  • Posizionare correttamente la mascherina facendola aderire al naso e portandola sotto il mento
  • Accertarsi di averla indossata nel verso giusto (ad esempio nelle mascherine chirurgiche la parta colorata è quella esterna).

Durante l’uso

  • Se si deve spostare la mascherina manipolarla sempre utilizzando gli elastici.
  • Se durante l’uso si tocca la mascherina, si deve ripetere l’igiene delle mani
  • Non riporre la mascherina in tasca e non poggiarla su mobili o ripiani. Tenere una bustina sempre con sè per eventualmente riporla.

Quando si rimuove

  • Manipolare la mascherina utilizzando sempre gli elastici o i legacci
  • Lavare le mani subito dopo rimossa con acqua e sapone o eseguire l’igiene delle mani con una soluzione alcolica

Nel caso di mascherine riutilizzabili

  • Procedere alle operazioni di lavaggio con comune detersivo o secondo le istruzioni del produttore, se disponibili; talvolta i produttori indicano anche il numero massimo di lavaggi possibili senza riduzione della performance della mascherina
  • Dopo avere maneggiato una mascherina usata, effettuare il lavaggio o l’igiene delle mani.  

Qui il video prodotto dal MInistero della Salute che spiega quando indossarla, come usarla in sicurezza e le principali raccomandazioni.

Come lavare e igienizzare una mascherina.

Le mascherine lavabili sono solo quelle che vengono così definite dal produttore.

Le mascherine che produciamo noi sono tutte lavabili a mano, in acqua calda e normale sapone da bucato. Generalmente è consigliabile tenerle in ammollo per circa 30 minuti in acqua e sapone e poi procedere al lavaggio, questo accorgimento ci da maggiori garanzie contro il virus e evita che la sfreghiamo con forza per rimuovere eventuali macchie di rossetto o make-up al suo interno. Ogni mascherina può essere anche sanificata con il vapore del ferro da stiro, ad una distanza massima di 15 centimetri dalla mascherina, per evitare che il TNT Spunbond al suo interno venga irrimediabilmente compromesso. Non si possono assolutamente stirare, il TNT è polipropilene e può sciogliersi o ritirarsi con il caldo del ferro da stiro poggiato sopra. Non si possono mettere nell’asciugatrice. Le mascherine filtranti che produciamo sono rivolte alla popolazione, non sono un DPI, non sono un DM.

Alcune delle nostre mascherine filtranti TNT lavabili.

Articoli che possono interessarti

Se hai bisogno di informazioni puoi contattarci in laboratorio, dal lunedì al venerdì, dalle 10:30 alle 18:00.

Oppure scrivici: elenabarbasposa@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *